Bonus gas e Bonus elettrico: cosa sono e chi può ottenerli? Le novità del 2020

Bonus gas e Bonus elettrico sono entrambe misure di sostegno sociale, introdotte per ridurre la spesa in energia elettrica e gas naturale delle famiglie numerose o in stato di vulnerabilità economica. Scopriamo chi può ottenerli, come fare a richiederli e per quanto tempo possono essere erogati.

Chi ha diritto al bonus?

Possono ottenere il bonus tutti i clienti domestici, intestatari di un contratto di fornitura di gas naturale o di energia elettrica, appartenenti: a un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 8.265 euro, a un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro, oppure, infine, a un nucleo familiare titolare di Reddito o Pensione di cittadinanza, anche se la soglia ISEE è superiore a 8.265 euro. Può beneficiare del bonus gas anche chi abita in un condominio con riscaldamento centralizzato.

Il bonus è previsto anche per i per i casi in cui una grave malattia costringa all’utilizzo di apparecchiature mediche alimentate con l’energia elettrica (elettromedicali) indispensabili per il mantenimento in vita.

Come posso richiederlo?

La domanda va presentata presso il Comune di residenza o presso un altro ente designato dal Comune: ad es. per i residenti nel Comune di Rimini la domanda va presentata presso i Centri di Assistenza Fiscale – CAF. Per presentare la domanda servono: gli appositi moduli disponibili sul sito di ARERA o su SGAte (il sistema informativo attraverso il quale vengono gestite le operazioni e verificati i requisiti per l’erogazione del bonus) o infine presso i Comuni, l’attestazione dell’ISEE in corso di validità ed il documento d’identità. Anche i titolari di reddito e pensione di cittadinanza dovranno presentare la richiesta con le stesse modalità degli altri soggetti e dovranno fornire il numero di protocollo o comunque un documento utile che certifichi la titolarità di reddito e pensione di cittadinanza.

Come viene erogato il bonus?

Il bonus è riconosciuto sotto forma di credito erogato direttamente nella bolletta del gas o dell’energia elettrica, non in unica soluzione ma suddiviso nelle diverse bollette corrispondenti ai consumi dei 12 mesi successivi alla presentazione della domanda, quindi ogni bolletta riporterà una parte del bonus proporzionale al periodo cui la bolletta medesima fa riferimento. Per i clienti che abitano in condominio dove il riscaldamento è centralizzato, il bonus gas viene riconosciuto invece attraverso l’emissione di un bonifico domiciliato erogato in un’unica soluzione.

Per quanto tempo viene riconosciuto il bonus e quanto vale?

Il bonus erogato a famiglie in stato di disagio economico è riconosciuto per 12 mesi. Al termine di tale periodo, per ottenere un nuovo bonus, la domanda deve essere presentata nuovamente. La novità sul tema dei rinnovi partirà dal 1° gennaio 2021 quando i bonus saranno riconosciuti in modo automatico ai soggetti potenzialmente beneficiari.
Il valore del bonus varia in funzione dei requisiti e del tipo di fornitura: per l’anno 2020 il bonus gas va da 32 a 264 euro, mentre per l’energia elettrica si va da 125 a 173 euro.
Scrivi nei commenti se hai dubbi o difficoltà, saremo felici di fornirti ulteriore supporto.

Il team SGR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SPORTELLO ONLINE